Home » Archivio

Archivio

1/2015

1/2015 - ATLANTIS

ATLANTIS

Rivista di Geopolitica e Competizione Economica

1/2015 ISSUE 

Questo numero di Atlantis dedica il Dossier ad un'analisi del Transatlantic Trade and Investment Partnership - TTIP, con la posizione del Prof. Fabrizio Marrella, l'intervento di Marco Marazzi e le riflessioni dell'Ambasciatore USA, Michael Forman. Da segnalare, la rubrica "Cosa bolle in pentola" che segna l'avvio di una fruttuosa collaborazione con il Generale Enrico Pino, gli articoli di Walter Skerk sulle conseguenze dello scontro tra Washington e Mosca per la Macedonia, di Luca Baraldi sulla correlazione tra religione e geopolitica, di Riccardo Palmerini che introduce la propria rubrica dedicata alla comunicazione, di Damiano Tessaro sulla Lobby come intelligence politico-istituzionale. Arricchiscono il numero la rubrica di storia, curata da Ennio Savi, la recensione del libro di Sabino Cassese "Chi governa il mondo?", l'intervista a Carlo Jean sulla Nuova Europa e il tradizione "sguardo dall'Italia sul Mondo" di Arduino Paniccia. 

Buona lettura. 

 

________________________________________

 

La copertina di questo numero, è ispirata al TTIP

Inverno 2014

Inverno 2014 - ATLANTIS

ATLANTIS

Rivista di Geopolitica e Competizione Economica

WINTER ISSUE 

 

Questo numero di Atlantis è prevalentemente dedicato al tema della libertà di parola e di informazione in seguito al feroce attacco di Parigi ai colleghi di Charlie Hebdo.Il Dossier ospita interventi che approfondiscono questo argomento in una logica geopolitica e di confronto culturale. Un approfondimento economico, sempre in ottica geopolitica, riguarda invece gli accordi internazionali del TTIP e della nuova via della seta. Spazio poi alle mostre di Palazzo Grassi e alle American Chronicles di Norman Rockwell. L’inverno italo-americano è però anche ricco di appuntamenti musicali, teatrali e di svago. Da non perdere, infine, un interessante articolo sulle ultime novità tecnologiche che riguardano il mondo degli orologi. 

Buona lettura. 

 

________________________________________

 

La copertina di questo numero, opera di Lara Monica Costa, è ispirata a Charlie Hebdo

Autunno 2014

Autunno 2014 - ATLANTIS

ATLANTIS 

Rivista di Geopolitica e Competizione Economica

Magazine of Geopolitics and Economic Competition

Fall 2014 ISSUE 

 

Condannati a stare insieme 

 

 

Unione europea e Stati Uniti d’America guideranno il concerto delle democrazie

 

“La causa dell’America – ha scritto Benjamin Franklin – è la causa di tutta l’umanità”. In questa semplice frase è racchiusa l’eccezionalità del ruolo americano nello scenario internazionale. Oggi vediamo il mondo costellato di teatri di guerra e potremmo dire, insieme a Robert Kagan, “Il mondo è tornato ad essere normale”. America e Europa devono continuare a collaborare nell'affermazione delle democrazie liberali contro il quasi inaspettato risorgere delle autocrazie. Lo sono la Russia di Putin (dopo il vano tentativo di riforma democratica di Eltsin) e la Cina comunista e capitalista a modo suo.

L'autunno e l'inverno Italo-americano sono però ricchi di eventi e non mancano le mostre e le esposizioni da visitare per il turismo culturale.

Da notare - tra i tanti altri articoli - l'inossidabile e sempre interessante intervista ad Arduino Paniccia sui temi di attualità geopolitica.  

Da non perdere, infine, il ricamo giornalistico-letterario di Ferruccio Gard sulla mostre del cinema di Venezia e l'originale articolo di Ennio Savi sulla presenza militare americana sul fronte italiano della Grande Guerra..

Buona lettura. 

 

________________________________________

 

La copertina di questo numero, opera di Lara Monica Costa, è dedicata ai nuovi conflitti autunnali nel mondo

 

Estate 2014

Estate 2014 - ATLANTIS

ATLANTIS ITALIAN AMERCAN MAGAZINE 

SUMMER 2014

 

Élite Vs People?

 

Il numero dedicato all'estate 2014 si apre con un inquitante interrogativo: la genesi e lo sviluppo dell'attuale Europa, così come quelle dell'Italia Unitaria hanno visto e vedono una sostanziale contrapposizione tra le Élite che ne hanno sostenuto la creazione e ne condizionano le Istituzioni e gli interessi e la volontà del popolo? L'editoriale introduce questi ed altri argomenti dedicati al Dossier Europa (impreziosito da un articolo di Luigi Zingales sulla crisi dell'Euro), mentre Robert Palladino ci offre un quadro aggiornato sui rapporti commerciali tra US e UE, l'articolo di Desiree Lucato ci racconta come New York sta vivendo l'inaugurazione della Freedom Tower il primo e più rappresentativo edificio del nuovo World Trade Center. 
L'Estate Italo-americana è però ricca di eventi e non mancano le mostre e le esposizioni da visitare per il turismo culturale.
Da notare - tra i tanti altri articoli - l'inossidabile e sempre interessante intervista ad Arduino Paniccia sui temi di attualità geopolitica.  
Da non perdere, infine, il ricamo giornalistico-letterario di Dino Tonon sui fantasmi dei palazzi veneziani e l'originale articolo di Renato Vecchiato sull'origine del detto vittoriano "Matto come un cappellaio".
Buona lettura e buona estate. 

________________________________________

La copertina del numero dell'Estate 2014, opera di Lara Monica Costa, è dedicata alla nuova Freedom Tower.

Primavera 2014

Primavera 2014 - ATLANTIS

ATLANTIS ITALIAN AMERICAN MAGAZINE

Spring 2014 ISSUE OUT NOW!

 

Manifesto per una nuova Europa

Dall’Unione europea all’Europa dei Popoli.

 

 

 

Il prossimo maggio 2014 i cittadini italiani, insieme a tutti i loro concittadini europei, si troveranno a dover compiere una scelta che, mai come in precedenza, influenzerà il futuro dell’Europa e la sua stessa esistenza. L’ipotesi che il completamento del processo d’integrazione e unificazione subisca una pericolosa frenata se non un arresto definitivo, è reale e incombente.

La crisi economica di questi anni, ancora non completamente superata, ha scosso profondamente il tessuto economico e sociale di molti paesi in Europa intaccando la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni politiche e monetarie europee soprattutto nei paesi più deboli dell’Unione. 

Facendo leva sulle difficoltà delle famiglie, dei lavoratori, degli imprenditori, dei giovani, dei disoccupati, una corrente di pensiero euroscettico e populista si sta affermando, mettendo a rischio le conquiste e l’intero processo di costruzione della nostra Europa e indebolendone il ruolo a livello geopolitico. Certo, questa Unione europea è completamente da rivedere se non da rifare. Ma è ormai chiaro che senza un’Istituzione europea finalmente democratica e liberale, gli attuali Stati non sono in grado di competere. E’ necessario impegnarsi e fare la nostra parte come europei e come italiani.

La prossima legislatura europea ha un compito fondamentale: realizzare le riforme di cui l’Europa ha bisogno per superare le debolezze della struttura attuale e costruire un nuovo quadro istituzionale, necessario allo sviluppo e al rafforzamento dell’Unione, che abbia una completa legittimazione democratica da parte di tutti i cittadini. Ciò richiede l’unione delle forze di tutti i cittadini europeisti, liberali, riformatori, democratici, federalisti, una guida qualificata e tenace a capo della Commissione e un Parlamento non frammentato.

Tutto questo è possibile soltanto se si riesce a costruire una grande sinergia tra le rappresentanze parlamentari europee e quelle nazionali avendo coscienza che il processo di sviluppo implica che ciascuno operi con efficacia nel proprio ruolo e in una visione comune e coerente. In questo percorso comune l’Italia deve rappresentare un esempio da seguire e riacquistare un ruolo guida propulsivo.  

C’è bisogno di un programma serio e condiviso da portare avanti su due binari paralleli: europeo e nazionale. C’è bisogno di ricostruire un’Europa liberale e democratica.

Nella nuova Europa le libertà fondamentali, la giustizia, i diritti civili, la dignità umana, la libertà personale del cittadino, la solidarietà, valori riconosciuti dalla ‘Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea dovrebbero trovare concreta realizzazione attraverso adeguate riforme in tutti i Paesi. L’Europa liberale e riformista garantisce sicurezza, vero diritto alla privacy e libertà di opinione.

La nuova Europa liberale dovrà favorire lo sviluppo economico attraverso i processi di liberalizzazione del mercato dei beni e dei servizi offerti ai consumatori a costi sempre più competitivi grazie al meccanismo trasparente della concorrenza nel pieno rispetto delle regole. 

La nostra Europa liberale e riformista rafforzerà l’aumento del reddito dei cittadini grazie alla costante crescita economica e occupazionale. La nostra Europa liberale e riformista guarderà al futuro investendo soprattutto nella formazione e nella ricerca, nell’innovazione tecnologica, nella sostenibilità ambientale e nello sviluppo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica.  

La nuova Europa liberale e riformista attuerà politiche che permettono e favoriscono la creazione di posti di lavoro, favorendo l’iniziativa imprenditoriale, abbattendo i costi per le imprese, rendendo più flessibile, dinamico e accessibile il mercato del lavoro. Nella nuova Europa liberale e riformista l’associazionismo e il terzo settore saranno riconosciuti come un pilastro importante di una società evoluta e svolgono un ruolo importante di sussidiarietà nell’ambito dei servizi alla persona anche come strumento di alleggerimento dei costi dello stato sociale.

La nuova Europa liberale attribuirà un ruolo fondamentale alla cultura: paesaggio, ambiente e patrimonio culturale rappresentano un unicum e vanno tutelati in un tutt’uno armonico. 

Nella nuova Europa democratica i cittadini si potranno sentire pienamente rappresentati dalle istituzioni democraticamente elette attraverso un corretto processo decisionale legislativo e regolamentare, e garantiti da un’adeguata legge elettorale per la formazione del Parlamento europeo. La nuova Europa democratica realizza e garantisce una maggiore vicinanza fra le istituzioni e i cittadini anche attraverso la completa trasparenza degli atti dei vari livelli di governo assicurando altresì la responsabilizzazione diretta delle istanze coinvolte a livello personale. Nella nuova Europa democratica lo stato di diritto, l’indipendenza della magistratura e il ruolo dell’informazione, sono rispettati e inviolabili. 

La nuova Europa federale sarà basata su un modello istituzionale che deve operare una distinzione rigorosa tra poteri degli Stati e poteri della federazione, impedendo quindi sovrapposizioni e interferenze. Il livello federale deve avere specifiche funzioni in materie quali la Difesa, la Politica  Estera, l’Energia, il Commercio Estero, la Politica Monetaria, il Lavoro, lo Stato sociale, le Telecomunicazioni, e deve tutelare le identità locali lasciando autonomia sulle altre materie agli Stati federati e alle loro regioni, razionalizzando il funzionamento dei vari livelli di governo territoriale sulla base del criterio di sussidiarietà. 

La nuova Europa federale rappresenta un soggetto politico unitario in grado di riacquistare il ruolo di leadership che le compete storicamente, rilevanza e prestigio a livello internazionale.

La nuova Europa federale si presenterà compatta e con un’unica voce ai tavoli internazionali in cui nessun paese europeo singolarmente ha modo di incidere significativamente. La politica di sicurezza e di difesa garantirà una maggiore efficacia dei servizi resi. 

L’Europa è nata come culla della Civiltà Occidentale e dovrà ritornare a esserlo nel mondo futuro. 

 

________________________________________

 

La copertina del numero di Primavera 2014, opera di Lara Monica Costa, è dedicata alle elezioni europee

ATLANTIS

ATLANTIS

ATLANTIS

ATLANTIS

Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier - Treviso centralino telefonico +39 0422 8961

ATLANTIS

ATLANTIS

ATLANTIS

Asolo Art Film Festival

ATLANTIS

Azienda Agricola Podere del Gaio via Lovadina 31025 S.Lucia di Piave (Tv) +39 0438 27445

ATLANTIS

ATLANTIS

ATLANTIS